Il “Rinascimento italiano” del gdr passa dal Kickstarter di domani

Read Time:1 Minute, 38 Second

Lex Arcana tornerà a far giocare migliaia di giocatori in tutta Italia e speriamo anche altrove grazie ad un coraggioso kickstart che inizia esattamente domattina alle ore 11. Ne avevamo già parlato, ci torniamo sopra perché la modalità è a mio avviso interessante: il KS avverrà in parallelo in italiano e in inglese, dopo che il team della Quality Games, guidati da Francesco Nepitello, ha presentato una versione light del gioco alla Gen Con di quest’anno, facendo leva sul mercato americano che lui ben conosce per i suoi trascorsi – ad esempio – con Cubicle 7 , e adesso la Coorte dei Custodes ha chiesto rinforzi dalle parti di Mediolanum, ad uno dei più rivoluzionari animatori del mondo del GdR italico: la Need Games! di Nicola De Gobbis. Saranno loro infatti ad occuparsi della localizzazione per il mercato italiano, il che è una gran figata oggettivamente, perché da un lato il ritorno di Lex Arcana rappresenta plasticamente il ritorno di un pezzo di storia creativa del GdR, dall’altro lato c’è un interprete assolutamente unico della “nuova generazione”, capace di essere al contempo editore e community manager. Tradizione e innovazione si potrebbe dire se non fosse una sineddoche ormai abusata e tuttavia incredibilmente vera. L’editoria italiana legata al gioco deve trovare nuove strade e le uniche percorribili passano per la creazione di comunità, per la fidelizzazione, ma ancor di più per l’apertura di nuovi mercati. In quanto consumatori oltre che parte di un micromondo dobbiamo sapere che o si cambia o nessuno ci pubblicherà un accidente. Ma qualcosa sta cambiando: più editori, più consapevolezza, ma quanta capacità di fare squadra? Esempi come questa sinergia sono un inizio, ma ancora di più dovrebbe essere quella di una compagine associativa che si sappia far valere, che promuova iniziative congiunte, insomma che faccia lobby…

Aggiornamento 18/09/18 : dopo appena un’ora dal calcio d’inizio del KS già oltre 15mila euro sui 20mila richiesti e oltre 180 sottoscrittori. Direi che è davvero un bel successo!

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Vuoi lavorare per una casa editrice di GdR?

Read Time:1 Minute, 53 Second

E’ apparso oggi un appello molto particolare dalla giovane e molto dinamica Need Games! (che in Italia ha portato tra gli altri il magnifico 7th Sea) che evidentemente prevede di aumentare la propria proposta ed è alla ricerca di un editor freelance (e forse più di uno interrogando le fonti interne alla casa editrice) per lavori a progetto. E’ probabile che essere una partita Iva in questo caso sia un viatico ulteriore per ottenere il lavoro. I titoli su cui attualmente stanno lavorando sono 7th Sea, Avventure nella Terra di Mezzo e Journey To Ragnarok (entrambi basati su d20 system 5a edizione) e The Witcher (sistema Fuzion) sull’omonima serie di romanzi.

 

Qui l’annuncio:

Sei un editor professionista?

NEED GAMES! sta cercando un editor freelance da inserire all’interno del Team.

Lavorerai su differenti linee di prodotto con un flusso costante di nuovi titoli durante tutto l’anno. Abbiamo bisogno di editor affidabili, esperti, coerenti e flessibili. Se sei proprio tu, continua a leggere!

I nostri titoli consistono in manuali tra le 200 e le 300 pagine.

L’editor avrà le seguenti mansioni:

  • Correggere tutti gli errori di ortografia, grammatica e punteggiatura;
  • Modificare il contenuto in modo che corrisponda allo stile editoriale e al tono di voce della linea editoriale stabilita;
  • Effettuare controlli incrociati di tutte le tabelle, figure e citazioni originali rispetto a quelli del testo tradotto;
  • Assicurare che tutti i termini di gioco siano coerenti con quelli della linea editoriale stabilita;
  • Preparare il testo per l’impaginazione;
  • Verifica della corretta impaginazione grafica del testo.

Non avrai contatti diretti con gli autori dei titoli, mentre invece ti interfaccerai spesso con i traduttori e gli impaginatori.

Costituiranno elementi indispensabili:

  • Comprovata esperienza nel campo della revisione di contenuti tradotti o localizzati nel settore di Giochi di Ruolo;
  • Ottime capacità di scrittura, grammatica e revisione di testi;
  • Rispetto delle scadenze concordate: la fase di editing ha un impatto enorme sull’intero processo di produzione e vogliamo iniziare ogni progetto con il piede giusto!
  • Conoscenza dei pacchetti MS Office e Google Suite.

Costituiranno elementi preferenziali:

  • Buona capacità di project management;
  • Ottima comunicazione verbale e interpersonale.

Se ti riconosci in questo profilo, compila il modulo in questa pagina e allega il tuo CV. Verrai contattato al più presto!

QUI PER CANDIDARSI SUL SITO DELLA NEED GAMES!



0



0


Happy

Happy

0 %


Sad

Sad

0 %


Excited

Excited

0 %


Sleppy

Sleppy

0 %


Angry

Angry

0 %


Surprise

Surprise

0 %

Pronti a salpare per il Mare Atabeano?

Read Time:2 Minute, 7 Second

Vi piacciono le ambientazioni piratesche? Amate le situazioni di “cappa e spada”? Allora il gioco che fa per voi è 7th Sea. Innanzi tutto per la dettagliata storia di questa ambientazione frutto di un  fortunato kickstarter dell’americano John Wick che ha così potuto realizzare la seconda edizione di un gioco molto famoso negli States (uscito nell’ormai lontano 1999) ma che era rimasto in una qualche forma di oblio fino al 2016, quando John Wick ha ottenuto i diritti dalla Alderac e i fondi dagli appassionati.

Localizzato in Italia dalla Need Games, che ne cura la diffusione con moltissime iniziative ludiche al motto di Ruolare. Duro. Sempre. 7th Sea sta avendo un gran riscontro di pubblico e di critica (è stato nominato Miglior Gdr a Lucca 2017) e sta seguendo la pubblicazione dei supplementi praticamente con lo stesso ritmo dell’edizione americana.

Dopo l’uscita del Manuale base, dello schermo del Narratore e dell’utile (ma non indispensabile) “Eroi e Malvagi” (una teoria di PNG con moltissime trame  e sottotrame da poter utilizzare per le campagne a Théah) al Play di Modena 2018 ha fatto capolino il molto attesa “Nazioni Pirata” che è davvero un “must to have” e soprattutto un “must to play” che contiene un avanzamento della storia e della geografia del mondo di Théah (in pratica al momento Europa e Caraibi in chiave fantasy), nuove stregonerie e nuovi stili di duello e soprattutto le regole per una intera campagna come pirata con una serie di regole nuove adatte a fare della ciurma qualcosa di più di un semplice manipolo di predoni.

Forte è l’influsso della filmografia dei Pirati dei Caraibi, il che è tutto tranne che un limite, se ne respirano gli accenni sparsi qui e lì. Similmente il buon vecchio Monkey Island può essere per voi fonte di ispirazione e soprattutto il libro e il film The Princess Bride contiene tutti gli ingredienti di una buona sessione di 7t Sea. Questo perché il realismo non è di casa in 7th Sea che chiede, anzi pretende, di essere giocato “sopra le righe”, con personaggi volutamente overpower, dove sono le interazioni sociali, le investigazioni, il venire fuori da una situazione difficile con l’astuzia e non necessariamente con la forza. Tuttavia, se essa fosse necessaria, un singolo duellante può falcidiare una mezza dozzina di sgherri senza fatica…

Questa è l’immagine del nuovo manuale di 7th Sea “Nazioni Pirata”



0



0


Happy

Happy

0 %


Sad

Sad

0 %


Excited

Excited

0 %


Sleppy

Sleppy

0 %


Angry

Angry

0 %


Surprise

Surprise

0 %