3 Kickstarter italiani da tenere d’occhio (e magari pledgiare)

Sempre più bella robina arriva o viene prodotta in Italia grazie all’aiuto dei kickstarter, la comunità dei giocatori di ruolo o da tavolo è ben disposta a scommettere su un prodotto che a volte esiste solo nella mente degli autori oppure di cui ha letto solo delle recensioni o poco più. E’ un segnale di vitalità per il settore e di capacità – sempre maggiore – di case editrici e studios di creare aspettative interessanti. Oggi segnaliamo tre kickstarter, uno in via di conclusione, uno appena partito e uno annunciato. Andiamo con ordine.

Sbrigatevi a pledgiare: Historia

Il Mana Studio Project ha già raccolto oltre 65mila euro da parte dei backers che partecipando oggi a questo kickstarter permetterà di aggiudicarsi un setting molto interessante: un’ambientazione fantasy rinascimentale per Dungeons and Dragons Quinta Edizione, caratterizzata dal fatto che il setting è popolato da animali antropomorfi. E’ un prodotto ricco di illustrazioni, di razze nuove e di una ambientazione davvero molto originale, oltre ad un gruppo di avventure firmate da alcuni ottimi professionisti del settore. Qui il KS.

Chi può resistere ad un bel dungeon? Rappan Athuk

Appena partito il mega dungeon più famoso della storia di DnD arriva finalmente in Italia grazie ai tipi di Kaizoku Press. Nato con la seconda edizione del “gioco di ruolo più famoso del mondo” è stato riadattato e ampliato ad ogni passaggio di edizione, e che arriva in Italia con ulteriori aggiunte. Il Megadungeon è in pratica una super campagna che può portare i giocatori dal 1° al 20° livello!

 Estremamente difficile, Rappan Athuk terrorizzerà anche il più impavido degli eroi. L’avventura contiene una valanga di trappole ingegnose, tranelli, stranezze e mostri, molti di essi mai apparsi prima. Anche i palati più fini non saranno delusi, visto che il modulo offre molte opportunità per l’interpretazione, ma chiunque voglia affrontare queste sale sotterranee farà meglio a prepararsi, o la sua vita sarà molto breve.

Portatevi a casa un manualozzo di circa 800 pagine con questo KS

Casa Kilamdil ha intervistato uno dei curatori dell’edizione italiana

Ami il dungeon crawling e odi i regolamenti? Dungeon 6

Grazie ad Acchiappasogni partirà un KS il prossimo 4 ottobre per portare in Italia questo piccolo gioiellino che è Dungeon 6. Un sistema snello di poche pagine per creare dungeon da esplorare e saccheggiare. Tutto si prepara in pochi minuti con carta quadrettata, matita e un dado da 6. Semplice ed efficace con un lungo playtest alle spalle. La campagna di crowdfunding permetterà di rilasciare il gioco completo in una preziosissima edizione in scatola, ricca di contenuti unici, imperdibili esclusive per chi supporterà la raccolta fondi e micidiali Avventure pronte per l’uso che arricchiranno l’ambientazione e l’esperienza di gioco. Qui un assaggio.

Ideato da Giacomo Bellucci, Dungeon 6 è un gioco fantasy che fa dell’immediatezza, della semplicità e della totale assenza di preparazione i suoi punti di forza, insieme alla capacità di presentare ai giocatori situazioni sorprendenti, generate proceduralmente attraverso il tiro di un dado.

L’ambientazione base è stata scritta da Luca De Marini partendo dalle fondamenta già stabilite da Giacomo Bellucci: c’è stata grande sinergia in questo lavoro, grazie soprattutto all’aiuto del bravissimo editor Carlo Teo Pedretti che, per questo progetto, è stato sia collante che vero e proprio catalizzatore di idee e rifiniture di sistema.

Qui il link al kickstarter!

Setting di ambientazione, dungeon mastodontici o piccolini, tante possibilità per tutti i gusti. Buon gioco!

Cari vecchi librogame, levatrici di ruolatori incalliti…

Chi ha una certa età non può non ricordare le 34 collane di LibroGame editi dalla EL Edizioni. Una vagonata di giocatori di ruolo sono stati svezzati da quei volumetti che venivano divorati, specialmente d’estate quando faceva troppo caldo per stare in giro o il bagno era proibito dall’anatema materno “aspetta almeno 3 ore!”

A rileggerli alcuni sono chiaramente pensati per un pubblico di giovanissimi, ma altri mantengono una capacità di mettere in crisi il lettore. A me piacevano moltissimo quelli di Alla Corte di Re Artù, e immaginavo di brandire la mitica Excalibur Jr, e ovviamente quelli ispirati a Dungeons&Dragons avevano (e hanno!) un posto nel mio cuore. Ma il re era uno e uno solo: Lupo Solitario dell’indimenticabile (e compianto) Joe Dever che meriterebbe forse un post a parte per la capacità che ha avuto di dare vita ad un mondo coerente e di grande interesse ludico (da cui è derivato anche un gdr). Tutto questo per dire che la notizia che la Salani, una casa editrice con una solidissima storia e competenza nella letteratura per ragazzi, darà vita ad una collana di librigame mi pare davvero ottima. A partire dal nome: Fighting Fantasy, qui le cover delle prime uscite, veri e propri classici. Come dire, molto bene!

Ancora non mi spiego perché la EL Edizioni abbia abbandonato un settore come questo o non lo abbia ripreso ora che c’è molto fermento dopo qualche anno di quasi oblio…

Una spilla che vale un tesoro…

Segnaliamo volentieri l’iniziativa di questi giovani designer italiani, anche perché li abbiamo incontrati dal vivo al Modena Play (poi ne parliamo) di quest’anno con in mostra la versione precedente (che se possibile era ancora più figa) di questa che attualmente è in attesa di finanziamento su Kickstarter.

Lo diciamo subito: noi sottoscriviamo e alla prossima occasione la indosseremo sicuramente.

Per dare una mano qui c’è il loro progetto su KS