In attesa di Cyberpunk RED

Forti del loro debito nei confronti di Cyberpunk 2020, gioco anni ’90 della Talsorian che ha svezzato una larghissima fetta di giocatori nati negli anni ’80, e che è parte integrante della storia del GdR assieme a D&D e a Vampiri, i produttori di videogame CD Project hanno voluto rivitalizzare quella ambientazione e quelle meccaniche nell’attesissimo Cybeperpunk 2077, nel frattempo – un processo che ha visto l’avvio con The Witcher che ha appunto gli stessi attori dal lato videoludico e gdr – esso diventerà anche un gioco di ruolo “pen and paper”. Una seconda edizione a tutti gli effetti del classico della Talsorian e che è stato messo in mano proprio al suo creatore originario: Mike Pondsmith. Sarà lui, in qualità di lead designer e primary writer ad avere le chiavi del regno e a dare il là a tutta – ci si augura – la catena di manuali e supplementi di questa nuova edizione che – assicurano – sarà facilmente compatibile con il vecchio universo 2020 di cui Cyberpunk RED è la continuazione diretta e insieme il prequel del mondo di gioco del videogame.

 Ad essere precisi le due case hanno collaborato in modo da dare vita ad una timeline comune che unisse Cyberpunk 2013 a Cyberpunk 2020 e via avanti fino a Cyberpunk Red e 2077. 

A titolo informativo è stato dato di sapere che Cyberpunk Red si ambienterà nel periodo storico compreso tra il 2022, data della fine della 4° Guerra Corporativa, e il 2077 (purtroppo al riguardo alla Talsorian non si sono sbottonati molto) e mostrerà un mondo in fase di ricostruzione dopo i devastanti eventi che sono invece al centro del videogioco. Destino diverso per Cybergeneration (l’erede di 2020) che sarà invece oggetto di una vera e propria ucronia, che lo porrà in un’altra timeline: un vero e proprio “cosa sarebbe successo se…?” in cui la Carbon Plague, causata dalla liberazione di un pericoloso nano-virus, è stata rapidamente contenuta ed eliminata (Tom’s Hardware).

In una bella intervista a tutto tondo con Mike Pondsmith a cura di Lega Nerd, l’autore ricorda come il punto forte – la botta di adrenalina – del gioco originale era l’alto tasso di mortalità durante i combattimenti, specie i conflitti a fuoco:

Fino ad allora gli altri giochi di ruolo avevano trattato il combattimento come se fosse un action movie, era tutto troppo finto. Molti dei nostri primi giocatori erano militari o personale della Polizia: sapevano come funziona uno scontro a fuoco, sapevano che non è un gioco, che è facile morire, che è molto probabile morire, che è quasi sicuro morire…

E la cosa divertente è che è diventato un orgoglio giocare a Cyberpunk e avere un personaggio che sopravvivesse a più di una avventura, magari ad una campagna intera…

“tu giochi a quella roba per bambini, io invece a questa per adulti, dove il tuo personaggio può morire da un momento all’altro e perdere tutto!”

In Cyberpunk Red abbiamo introdotto una versione opzionale semplificata del combattimento e i primi feedback sono proprio stati “non è più mortale come prima! lo vogliamo più mortale!”. I personaggi muoiono facilmente, ma è proprio di questo che ci si vanta se invece si sopravvive: “sono stato abbastanza bravo da sopravvivere a Cyberpunk!”

In attesa dunque di nuove informazioni dall’America e soprattutto di sapere chi localizzerà il gioco in Italia, non possiamo che augurarci che il nuovo gioco sia il degno successore del suo avo. Il Cyberpunk è un genere che ha avuto alti e bassi nella cultura di massa, ma tante piccole cose che erano state predette nei romanzi, nei film e perfino nei giochi sono diventati realtà o (in alcuni casi) tristi realtà: strapotere delle corporation, inquinamento, clonazione, integrazione tra uomo e macchina, morte della privacy. Ma tutto questo ha anche dato agli appassionati del genere una sorta di anticorpo nei confronti di certi segnali…